Agricoltura sociale

Agricoltura sociale

Nell’ambito dell’agricoltura multifunzionale una particolare tipologia di agricoltura è sicuramente l’agricoltura sociale. L’agricoltura sociale è definita a livello nazionale dalla legge 18 agosto 2015 n.141 che va a delineare l’A.S. come finalizzata ad interventi di natura sociale, sociosanitaria, educativa e di inserimento socio lavorativo. In Italia, però, diverse regioni si erano dotate di un apparato normativo riguardo l’A.S. ben prima che essa fosse definita dalla normativa nazionale, ma questo non ha cambiato di molto la situazione. Infatti, nonostante il suo nobile intento, l’agricoltura a finalità sociali non si è mai estesa come potrebbe. Ciò per vari motivi. L’integrazione in azienda di persone socialmente svantaggiate come può essere una persona disabile o un ex carcerato, richiede, infatti, una mole di burocrazia e di accorgimenti in termini di sicurezza sul lavoro – nel caso di lavoratore disabile – che difficilmente le aziende agricole vogliono sobbarcarsi. Un po’ diverso è il discorso per quanto riguarda l’A.S. finalizzata a fornire servizi a supporto delle attività terapiche (ad esempio l’ippoterapia) e l’A.S. che si propone di sostenere progetti per l’educazione alimentare ed ambientale. Quest’ultima ad esempio desta molto interesse negli agricoltori per molteplici motivi. Innanzitutto, per la creatività che essa richiede, stimolante specialmente per i giovani agricoltori. Ma anche, e soprattutto, per la possibilità di accedere a fondi europei per queste attività (pecunia non olet, ma delle misure comunitarie ne parleremo approfonditamente).
Molti sono gli ostacoli che ad oggi hanno impedito uno sviluppo dell’A.S., primi tra tutti quelli di natura economica, ma anche quelli di natura conoscitiva. Tanti agricoltori, infatti, nemmeno sono a conoscenza di una legge ad hoc per l’agricoltura sociale. Questo di sicuro non ha aiutato il suo sviluppo.

Ancora tanto si può fare per sviluppare l’A.S. e ci auguriamo che questo possa essere uno degli obiettivi dell’agricoltura del domani.

AgriPost it!

Lascia un commento

Chiudi il menu