Gas ed effetto serra

Quando parliamo di effetto serra facciamo riferimento a un fenomeno naturale che porta a un riscaldamento del nostro pianeta ad opera di alcuni gas. Questi gas vanno a creare un vero e proprio schermo che va a impedire la totale fuoriuscita delle radiazioni infrarosse riflesse dalla superficie terrestre, consentendo alla Terra di avere una temperatura media di 15 °C, rendendo possibile la vita sul nostro pianeta. Infatti, senza l’effetto di questi gas, la temperatura sarebbe prossima ai -18 C°. Il quantitativo di questi gas, nell’arco di vita della Terra, ha subito diverse fluttuazioni, a cui è possibile collegare le fasi del pianeta in cui sono sopraggiunte le glaciazioni (micro e non).

I gas coinvolti in questo effetto sono chiamati “gas serra” e sono rappresentati prevalentemente da anidride carbonica (CO2), metano (CH4) e NOx (ossidi di azoto e loro miscele). Ognuno di questi gas ha persistenza (permanenza) nell’atmosfera e capacità di trattenere il calore diversa.

CO2: è il gas maggiormente prodotto dall’uomo ed è anche quello che ha meno capacità di trattenere il calore; viene utilizzato come indicatore del livello di gas serra in atmosfera, misurandolo in ppm (parti per milione). È prodotto dalla combustione di petrolio e carbon fossile e come scarto delle industrie. Rappresenta circa il 75% dei gas serra in atmosfera.

CH4: Ha una capacità di trattenere il calore 28 volte più grande della CO2; è liberato in modo naturale da paludi e permafrost in fase di discioglimento (idrati di metano), nonché prodotto dall’allevamento animale (digestione di alcuni animali) e dall’estrazione di gas naturale e petrolio. Costituisce circa il 15% dei gas serra.

NOx: Con il termine NOx vengono indicati genericamente i due più importanti ossidi di azoto a livello di inquinamento atmosferico: ossido di azoto (NO) e biossido di azoto (NO2). Questi gas hanno un potere che si assesta sulle 310 volte più grande rispetto alla CO2 e sono prodotti da alcune reazioni chimiche dell’atmosfera, dalla combustione degli autoveicoli (in particolare i motori diesel) e dagli impianti di produzione di acido nitrico e che lavorano composti azotati. Si stima che rappresentino circa il 5% dei gas serra in atmosfera.

Che ne dite, di ridurre le emissioni insieme?

AgriPost it!

Lascia un commento

Chiudi il menu